Le ultime 10:

 
Qual è il personaggio politico che ultimamente le spara più grosse?
  • La suorina Michaela Biancofiore
    4,6%
  • L'incompreso Maurizio Landini
    12,2%
  • Della ggente de Quarticciolo Paola Taverna
    8,4%
  • Il marciatore su Roma Mario Borghezio
    7,6%
  • Ladylike Alessandra Moretti
    22,9%
  • Il panda rosso Ignazio Marino
    1,5%
  • La reginetta del selfie Marianna Madia
    8,4%
  • Il cacciatore di rom Matteo Salvini
    18,3%
  • La maestrina Maria Elena Boschi
    12,2%
  • L'attore di B movie Antonio Razzi
    3,8%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



Life

Per un 25 aprile dedicato alle partigiane (di ieri e di oggi)

Libertà e democrazia non sono conquiste per sempre. E questo 25 Aprile è, una volta ancora, la festa di chi lotta. La festa di chi non è mai indifferente. [Silvia Garambois]

redazione
mercoledì 25 aprile 2012 09:19

di Silvia Garambois

La guerra per la libertà non è stata cosa da uomini: e non furono neppure solo le madri, le sorelle, le fidanzate, le mogli, le figlie. Non furono solo le portaordini in bicicletta.

Quest'anno il 25 Aprile sia dedicato alle donne: alle partigiane che combatterono per la libertà, per la democrazia, per la pace. E per il lavoro. Alle donne che oggi riappaiono in vecchie foto stropicciate mentre si abbracciano e ridono - arma in spalla - attraversando vittoriose le città. Alle storie delle donne partigiane che faticosamente riaffiorano dalla Storia comune di un popolo che combatteva per il suo futuro. Per il suo avvenire.

E' stato il web - le donne sul web - a imporre questo 25 Aprile delle partigiane: il passa-parola sui social network per un omaggio corale, un puzzle di foto che si moltiplica da una pagina all'altra con le immagini di queste nostre Madri della libertà. Potrebbe essere altrimenti oggi, che il Paese si interroga su chi potrà rinnovare la nostra democrazia, e persino il presidente Napolitano, e persino Don Gallo, guardano alle donne, e alla loro voglia di farsi protagoniste?

Oggi che c'è di nuovo un avvenire da conquistare, da ricostruire, la Festa della Liberazione ha ripreso un significato che va ben oltre il ricordo, la commemorazione. Una Festa di riscatto possibile: perché libertà e democrazia non sono conquista per sempre. Non c'è libertà, non c'è eguaglianza, se non c'è il lavoro. E questo 25 aprile delle donne è, una volta ancora, la festa di chi lotta. La Festa di chi non è mai indifferente.