Le ultime 10:

 
Che cosà sarà pronto il giorno dell'inaugurazione di Expo 2015?
  • Niente, è un cantiere aperto
    5,2%
  • Tutto, Renzi ha la bacchetta magica
    10,3%
  • Saranno completate solo le opere di camouflage
    11,3%
  • Sarà sicuramente pronta la manifestazione dei No Expo
    26,8%
  • Sarà pronto il prossimo avviso di garanzia per tangenti
    14,4%
  • Sarà quasi tutto pronto, ma dobbiamo essere ottimisti e patrioti
    10,3%
  • Non importa, gli affari veri chi doveva farli li ha fatto, il resto è cementificazione
    18,6%
  • L'ultimo giorno di Expo sarà ancora da fare qualche cosa
    3,1%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



World

Ritrovato in Alaska un pallone inghiottito dallo tsunami giapponese

Dopo oltre un anno alla deriva nelle acque del Pacifico, trascinato via dall'onda anomala dell'11 marzo 2011. Grazie alla dedica è stato rintracciato proprietario.

redazione
lunedì 23 aprile 2012 17:52

Un pallone inghiottito dalla onde dello tsunami che colpì il Giappone l'anno scorso è stato trovato su una spiaggia dell'Alaska e restituito al suo proprietario. La storia è stata ricostruita dal quotidiano Asahi. Il pallone è stato spinto dalle onde su una spiaggia della capitale dell'Alaska, Anchorage, dove si stava celebrando un matrimonio.

Dai messaggi scritti sul cuoio in giapponese si è potuto risalire al proprietario: Misaki Murakami, 16 anni. Il ragazzino abita a Rikuzentakata, città della provincia di Iwate, la più colpita dallo tsunami dell'11 marzo 2011. Il pallone gli era stato regalato dai compagni di classe nel 2005, quando aveva cambiato scuola. L'individuazione del proprietario è stata possibile grazie al messaggio "Coraggio Misaki Murakami!", firmato dagli alunni di una terza elementare. La casa di famiglia di Misaki fu completamente distrutta dalle onde.

I genitori dell'adolescente hanno chiamato la coppia di sposi per ringraziarla e i coniugi hanno promesso loro di andare il mese prossimo in Giappone per restituire personalmente il pallone al proprietario.