Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Le ultime 10:

 
Come risolveresti la questione dei rifugiati in fuga dalle guerre?
  • Mettendo muri invalicabili alle frontiere
    23,9%
  • Abolendo le frontiere
    14%
  • Costruendo una rete di accoglienza
    16,7%
  • Ricordandomi che la causa è la guerra dalla quale fuggono
    17,4%
  • Con l'esercito
    1,5%
  • Non è un problema che mi tocca
    0,6%
  • Con umanità, solidarietà per vittime innocenti
    25,7%
  • A slogan fascioleghisti
    0,2%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



World

Ritrovato in Alaska un pallone inghiottito dallo tsunami giapponese

Dopo oltre un anno alla deriva nelle acque del Pacifico, trascinato via dall'onda anomala dell'11 marzo 2011. Grazie alla dedica è stato rintracciato proprietario.

redazione
lunedì 23 aprile 2012 17:52

Un pallone inghiottito dalla onde dello tsunami che colpì il Giappone l'anno scorso è stato trovato su una spiaggia dell'Alaska e restituito al suo proprietario. La storia è stata ricostruita dal quotidiano Asahi. Il pallone è stato spinto dalle onde su una spiaggia della capitale dell'Alaska, Anchorage, dove si stava celebrando un matrimonio.

Dai messaggi scritti sul cuoio in giapponese si è potuto risalire al proprietario: Misaki Murakami, 16 anni. Il ragazzino abita a Rikuzentakata, città della provincia di Iwate, la più colpita dallo tsunami dell'11 marzo 2011. Il pallone gli era stato regalato dai compagni di classe nel 2005, quando aveva cambiato scuola. L'individuazione del proprietario è stata possibile grazie al messaggio "Coraggio Misaki Murakami!", firmato dagli alunni di una terza elementare. La casa di famiglia di Misaki fu completamente distrutta dalle onde.

I genitori dell'adolescente hanno chiamato la coppia di sposi per ringraziarla e i coniugi hanno promesso loro di andare il mese prossimo in Giappone per restituire personalmente il pallone al proprietario.