Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Le ultime 10:

 
Roma capitale del degrado. La stampa estera si accanisce sulle condizioni della città eterna. Secondo voi Roma ha bisogno di:
  • Un rilancio della giunta Marino, come sta avvenendo con il rimpasto
    7%
  • Nuove elezioni con Marino ricandidato
    7%
  • Nuove elezioni, ma che vinca un sindaco di Cinque Stelle
    12,9%
  • Nuove elezioni, ma il Pd candidi a sindaco uno diverso da Marino
    7%
  • Nuove elezioni, chiunque vinca è meglio di Marino
    12,9%
  • Nuove elezioni e un sindaco della società civile
    32,2%
  • Un commissariamento e i pieni poteri al prefetto
    4,1%
  • Di niente, perché il degrado è endemico: non c'è niente da fare
    17%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



World

Sondaggi boom per Dilma ma i brasiliani rivogliono Lula

La presidente del Brasile Rousseff ottiene l'approvazione del 64% della popolazione, ma per le prossime elezioni il candidato preferito resta sempre Luiz Inacio Lula.

Desk
lunedì 23 aprile 2012 11:09

Il presidente del Brasile Dilma Rousseff ottiene un nuovo record nei sondaggi: il 64 per cento dei suoi concittadini approva il suo governo, il massimo ottenuto nei 15 mesi finora al potere. Tuttavia, questo enorme popolarità potrebbe non bastare per le prossime elezioni. I brasiliani vogliono vedere ancora una volta Lula nel Palazzo Planalto. Così dice un rilevazione pubblicata oggi sul quotidiano Folha de Sao Paulo. Secondo l'indagine, per il 64 per cento dei brasiliani il governo della prima donna ad occupare la poltrona presidenziale del paese è "eccellente o buono", in aumento di cinque punti percentuali rispetto alla consultazione precedente, a gennaio. Mentre il 29 per cento degli intervistati considera "normale" la gestione, e solo il cinque per cento ha valutato come "cattiva o pessima".

Ma nonostante questo l'ex presidente Luiz Inacio Lula da Silva non ha perso il suo alone di popolarità. Il favorito dai brasiliani per essere il candidato del Partito dei Lavoratori (PT) nelle elezioni presidenziali del 2014 è di nuovo lui. Il fatto che Lula abbia appena superato un cancro alla laringe diagnosticato lo scorso ottobre, sembra aver dato un'iniezione di entusiasmo ai suoi seguaci che lo vogliono al potere ancora una volta. Il 57 per cento degli intervistati ha indicato in Lula il miglior candidato, rispetto al 32 per cento che ha espresso sostegno per Dilma.