Informativa

Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

OK X
Le ultime 10:

 
Roma capitale del degrado. La stampa estera si accanisce sulle condizioni della città eterna. Secondo voi Roma ha bisogno di:
  • Un rilancio della giunta Marino, come sta avvenendo con il rimpasto
    8,4%
  • Nuove elezioni con Marino ricandidato
    10,1%
  • Nuove elezioni, ma che vinca un sindaco di Cinque Stelle
    14,3%
  • Nuove elezioni, ma il Pd candidi a sindaco uno diverso da Marino
    10,1%
  • Nuove elezioni, chiunque vinca è meglio di Marino
    16,8%
  • Nuove elezioni e un sindaco della società civile
    12,6%
  • Un commissariamento e i pieni poteri al prefetto
    5,9%
  • Di niente, perché il degrado è endemico: non c'è niente da fare
    21,8%

Assicurazione auto e moto Quixa

Un consulente personale tutto per te e la convenienza di un'assicurazione auto e moto a un prezzo eccezionale. Scopri Quixa

Più lette
 
Connetti
Utente:

Password:



Economy

Anche i disoccupati dovranno pagare il ticket

Lo prevede il ddl lavoro. Viene eliminata l'esenzione per l'acquisto di farmaci essenziali e prestazioni di diagnostica strumentale, di laboratorio e specialistica.

redazione
giovedì 19 aprile 2012 17:24

disoccupati non saranno più esentati dal pagamento dei ticket sanitari. Lo prevede il ddl di riforma del lavoro. Con il provvedimento viene abolita la norma del 1993 che stabiliva l'esenzione dei disoccupati e dei loro familiari a carico dalla partecipazione alla spesa sanitaria per l'acquisto dei farmaci essenziali, dei farmaci per malattie croniche e dei farmaci di rilevante interesse terapeutico, nonché dal pagamento delle prestazioni di diagnostica strumentale e di laboratorio e delle altre prestazioni specialistiche, ivi comprese le prestazioni di fisiokinesiterapia e le cure termali.

La cancellazione dell'esenzione, si spiega nella relazione tecnica che accompagna il ddl, è stata decisa ''in ragione dell'estensione della platea dei beneficiari dei trattamenti di sostegno al reddito''.